L' Accademia delle 4A: Amore,Amicizia,Anima e....

Aperta a coloro che hanno Spirito creativo ed interesse alla cultura intesa come VERO scambio di idee e condivisione di pensieri diversi!
 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedientra in chat
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Ultimi argomenti
» SICILIANITA’
Lun 07 Mag 2012, 19:04 Da vittorio banda

» speranza di vita
Lun 27 Feb 2012, 16:33 Da Ospite

» Ogni tanto la luna si addormenta
Sab 19 Nov 2011, 23:02 Da fidelis

» GALLERIA :L'Arte di Sonia ( Moonlight) *murales*
Gio 13 Ott 2011, 21:22 Da Moonlight

» VETRINA VIRTUALE Per Acquisti ONLINE
Lun 10 Ott 2011, 13:06 Da Lizy Creations

» XXXXXXXXXXXXXXXX
Ven 07 Ott 2011, 15:11 Da Sergio

» ARTICOLO POETICO
Ven 30 Set 2011, 12:37 Da fraghi88

» Notizie Ulteriori
Mar 20 Set 2011, 22:30 Da Dunia Sardi

» • Recensione di Gabriella Puglisi a LA TAVERNA DI ALFA NINNINO, su "L'EstroVerso", n. di Luglio - Agosto 2011.
Sab 10 Set 2011, 13:33 Da Admin

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Forum
Partner
creare un forum

Condividere | 
 

 prefazione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
avatar

Leone Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 19.03.11
Età : 36

MessaggioTitolo: prefazione   Gio 07 Lug 2011, 19:44

Una calma piena di vento
Sullo sfondo, non inerti, gli scenari instabili e a volte drammatici che hanno caratterizzato gli anni Settanta e Ottanta.

In essi una vita che scorre, legami che si interrompono, perdite non accettate.
Poi tre intensi giorni per rielaborare i lutti, per tracciare bilanci, per continuare un cammino, ma anche per sperimentare una nuova realtà.

Una donna non é mai solo una donna. Ida é una scrittrice con un'anima dominante quanto dominata da forti ideali e da una grande capacità introspettiva, la sua silenziosa persecuzione. Ida è la stessa donna che è vissuta all’interno degli scenari di instabilità politica e sociale negli anni 70-80 e ha creduto di poter cambiare il mondo credendo che il mondo sarebbe cambiato. Gli avvenimenti sociali, politici e sentimentali dell’epoca, l’hanno costretta a una febbrile interrogazione
del sé e ne hanno fatto nel tempo una donna apparentemente compiuta.

In quegli anni, come in un riflesso, specchiandosi in quel cumulo di incertezze, anche i sentimenti tremavano. Luoghi ed eventi si intrecciano come fili di seta sottili, tra l'Italia e
la Francia in una fitta catena di perdite ed abbandoni. La morte della sorella. La fine dell'amore.
La disgregazione della famiglia e la conseguente perdita delle certezze.
Un disastro.
Ogni dramma ha profonde radici nelle origini di un essere umano. Il 28 dicembre dopo l'ennesimo lutto, Ida si sveglia ed é inseguita dal passato, e così si trova costretta ad interrogarsi non solo su
un presente irrisolto, ma anche su una nuova verità che demolisce il suo precario equilibrio.
Tre giorni. Tre giornate gelide, intense, per fare e disfare, rielaborare, trovare un ramo a cui aggrapparsi per ricominciare. L'elemento sorpresa mette al mondo un finale inimmaginabile, racchiuso in quella realtà sconosciuta che l'attende sotto la neve che cade senza sosta.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://accademiadelle4a.italiaforum.net
 
prefazione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
L' Accademia delle 4A: Amore,Amicizia,Anima e.... :: LIBRI :: UNA CALMA PIENA DI VENTO (Giuliana Argenio)-
Andare verso: